fbpx

2 DICEMBRE

ALLA SCOPERTA DELL’ECCELLENZA 

RABOSO DEL SINDACO

Il Raboso del Sindaco, quando cultura ed enogastronomia si fondono.

Oggi parliamo di un’iniziativa che unisce il vino simbolo della terra opitergina, il Raboso, con la storia, la cultura e la bellezza della città.

L’Amministrazione Comunale di Oderzo promuove da anni “Il Raboso del Sindaco”,  concorso che si realizza dal 2004 con la produzione di un numero limitato e numerato di bottiglie di vino Raboso. Originariamente, era il sindaco stesso a scegliere il vincitore. Con il passare degli anni la scelta è stata affidata a dei sommelier.

Ogni edizione racconta, attraverso le etichette e la brochure illustrativa, opere degli artisti opitergini o le bellezze archeologiche della città. Le bottiglie, corredate una specifica confezione cartonata, divengono veicolo di promozione di un prodotto enologico locale e strumento di valorizzazione turistico culturale del territorio e sono utilizzate come dono in occasione di iniziative di gemellaggio o di rappresentanza, o come omaggio per personalità ritenute meritevoli dal Sindaco.

Ma tu sai da dove deriva il nome Raboso? Ci sono però almeno due ipotesi: le origini del nome Raboso sono disputate: potrebbe rimandare all’omonimo torrente che scorre nel Quartier del Piave, oppure derivare dal termine veneto rabioso per il suo sapore fortemente acido.

QUIZ

Il più veloce che risponderà correttamente si aggiudica due libri per una buona lettura e un buono spesa in un garden center!

Qual è il periodo minimo di invecchiamento del Raboso?

Questo form di contatto è disponibile solo per gli utenti connessi.